Allerta meteo fine Gennaio

20140131_idrogeologico-idraulicoFine Gennaio con una perturbazione intensa: ecco il quadro di questo primo mese del 2014.

Una profonda saccatura si estende dalle Isole Britanniche fino alle coste africane richiamando aria umida e mite sulla nostra penisola. La situazione sembra evolversi molto lentamente almeno fino alla prima parte della giornata di Venerdì con la formazione di una depressione in quota non più alimentata dal flusso principale. Anche nei giorni successivi permane però un flusso atlantico che manterrà condizioni perturbate sull’Italia.

Sulla Toscana, cielo molto nuvoloso con precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di forte intensità, su Arcipelago, zone costiere e a ridosso dei rilievi appenninici. Dal tardo pomeriggio precipitazioni più sparse e intermittenti, ma ancora a carattere di rovescio. Quota neve intorno a 1400-1500 metri in Appennino in mattinata in ulteriore rialzo.
Venti: moderati di Scirocco sull’Arcipelago e fascia costiera, deboli o moderati nell’interno. Tendenza a rotazione dei venti ai quadranti orientali a partire dalle zone interne.
Mari: mossi o molto mossi al largo in particolare i bacini meridionali.
Temperature: in lieve aumento, in particolare nei valori minimi.

Fonte: Previsioni meteo LAMMA

Previsioni meteo

Centro Funzionale di Monitoraggio Meteo-Idrologico della Regione Toscana

http://www.cfr.toscana.it/index.php?s=69

Nei prossimi giorni, una profonda depressione sul nord Atlantico tenderà ad estendere la sua influenza anche sul Mediterraneo centro occidentale, determinandovi condizioni di tempo perturbato. La tendenza ad un graduale miglioramento è prevista a partire dalla sera di Venerdì quando la depressione si sposterà verso i Balcani e le correnti sulla Toscana si disporranno dai quadranti settentrionali.
Martedì, 03 Marzo 2009

Stato del cielo: molto nuvoloso con possibilità di piogge sparse più probabili sulle zone nord occidentali, sulle zone interne e a ridosso dei rilievi. Nel pomeriggio le precipitazioni risulteranno più probabili. Quota neve intorno a 1500-1600 metri. In serata temporaneo miglioramento.

Venti: deboli meridionali con rinforzi sui settori meridionali dalla sera.

Temperature: pressoché stazionarie.

Mari: poco mossi.

Mercoledì, 04 Marzo 2009

Stato del cielo: molto nuvoloso o coperto con piogge in intensificazione a partire dalle zone meridionali. Nel pomeriggio precipitazioni diffuse in particolare sul nord della regione e sulla costa con possibilità di locali temporali. Nevicate sull’Appennino oltre i 1500-1600 metri di quota. In serata attenuazione delle precipitazioni a partire dalla costa.

Venti: forti da sud sud-est sull’Arcipelago e sulla costa meridionale, moderati altrove con locali rinforzi. Tendenza a rotazione dei venti da nord ovest in serata sul litorale.

Temperature: pressoché stazionarie.

Mari: molto mossi a sud dell’Elba, mossi a nord. 

Giovedì, 05 Marzo 2009

Stato del cielo: dalle prime ore del mattino nuova intensificazione delle precipitazioni, anche a carattere di rovescio, a partire dalla costa. Nel pomeriggio nuova variabilità con precipitazioni sparse. Neve oltre i 1000 metri in mattinata, in abbassamento di quota fino a 600-800 metri in Appennino nel pomeriggio.

Venti: forti da ovest sud ovest sul litorale centro meridionale, moderati altrove, ma con tendenza ad attenuarsi dalla sera. 

Temperature: in calo

Mari: molto mossi, localmente agitati i bacini settentrionali.

Tendenza:  

Tempo instabile e a tratti perturbato Venerdì con neve fino a 800-1000 metri. Tempo discreto nel fine settimana. Temperature in ulteriore calo Venerdì, quando i venti si disporranno da nord nord-est. Venti in rotazione da nord ovest nel fine settimana con temperature ancora relativamente basse.